Lo spam a marzo 2013: gli spammer si concentrano su Hugo Chavez

19 apr
Notizie Business, Notizie Virus

Dopo un rapido incremento del volume di spam a febbraio, il primo mese di primavera ha visto la stabilizzazione del flusso di email spazzatura, che si è attestato ad un 70,1%. Nonostante questa riduzione, gli utenti sono stati comunque bersaglio di allegati nocivi, che sono incrementati dell’1,2% a marzo con una media del 4%.
La morte del presidente del Venezuela Hugo Chavez ha generato molto flusso di spam.  C’è stata una reazione immediata alla notizia e di seguito è apparsa in numerosi mailing di massa. Il primo esempio riguardava il capo dell’autorità aeroportuale del Venezuela, che apparentemente cercava aiuto per una perdita di denaro che coinvolgeva il Sudan. All’inizio i cyber criminali non promettevano somme di denaro, mentre successivamente hanno iniziato a promettere una ricompensa.
Un altro mailing di massa è stato inviato in maniera fraudolenta per conto del capo della sicurezza di Hugo Chavez. Come al solito, l’immaginazione dei cyber criminali non conosce limiti: la persona coinvolta avrebbe avuto accesso ad una non precisata somma di denaro lasciata dal presidente e il fortunato destinatario della mail avrebbe potuto entrare in possesso del 25% di questa, in cambio di assistenza nel trasferire il denaro fuori dal paese.
I cyber criminali hanno inoltre iniziato a mandare notifiche false di presunte prenotazioni online. A marzo, abbiamo registrato un mailing di massa che sembrava provenire dal servizio di prenotazioni Atlantic Hotel: in questo caso, il manager dell’hotel informava il destinatario che era atteso in hotel il 20 marzo 2013. La mail conteneva in allegato un trojan che, quando aperto, infettava il computer sottaendo informazioni finanziarie e personali dell’utente. 
A marzo, i paesi da cui è partito il maggior numero di spam sono stati gli Stati Uniti e la Cina. Lo scorso mese la battaglia era stata vinta dall Cina, che aveva battuto il record di mail spazzatura (+11,4%). Allo stesso tempo, dagli Stati Uniti la distribuzione è aumentata leggermente (+0,4%), attestandosi al secondo posto. L’Italia, che a febbraio era salita al primo posto nella classifica di rilevamenti anti virus, a marzo è stata sostituita dagli Stati Uniti (13,6%). La Germania si è posizionata al secondo posto ancora una volta (11,1%), seguita dall’Australia (7%), il cui contributo è cresciuto dell’1,3% salendo dalla quinta alla terza posizione.
A marzo, la percentuale di email di phishing nel traffico totale di email è raddoppiato rispetto al mese precedente, con una media dello 0,006%. I siti di social networking hanno continuato ad essere molto interessanti per i cyber criminali. 

Distribuzione delle top 100 aziende obiettivo dei phisher, per categoria

“Marzo è stato un mese stabile per quello che riguarda lo spam. Gli Stati Uniti e la Cina hanno guidato la classifica, producendo il 43% del totale dello spam”, ha commentato Tatyana Shcherbakova, senior spam analyst di Kaspersky Lab. “L’aumento del numero di email di phishing significa che gli utenti devono prestare ancora più attenzione quando aprono le email o quando utilizzano i siti di social networking”. 
La versione completa dello spam report è consultabile su securelist.com

Link utili