Be careful, Tux, be careful!

04 ago
Notizie Virus

Kaspersky Lab pubblica oggi un articolo tecnico dal titolo “Il malware oltre Vista e XP”, che fornisce una panoramica dei malware che attaccano i sistemi non-Windows e reti eterogenee, indicando quali potrebbero essere le adeguate precauzioni per la sicurezza. La versione completa dell’articolo è disponibile sul sito www.kaspersky.com/it/reading_room.

Magnus Kalkuhl, Senior Malware Analyst, e Marco Preuss, Virus Analyst, dell’European Research Center di Kaspersky Lab, analizzano gli ultimi trend dello sviluppo di malware per piattaforme non-Windows e quali possono essere le adeguate contromisure di sicurezza.

I due specialisti di Kaspersky Lab sottolineano che tali tecnologie possono effettivamente elevare il livello di sicurezza, ma non eliminano del tutto il rischio di infezione. La quasi totalità del malware circolante oggi in rete è progettato per attaccare piattaforme Windows; sono diversi però i sistemi operativi che possono essere vittima di attacchi. Inoltre, diversi codici maligni che si diffondono attraverso Internet (ad esempio gli script maligni nascosti in alcune pagine web) possono infettare un computer indipendentemente dal sistema operativo installato.

Gli autori concludono l’articolo con la frase: “Be careful, Tux, be careful!”, con riferimento a Tux, la mascotte di Linux, il più popolare tra i sistemi operativi alternativi a Windows.

Questo materiale può essere riprodotto previa citazione dell’autore (autore e azienda).