Minacce che cambiano, soluzioni che cambiano: l’evoluzione dei virus e degli antivirus

17 apr
Notizie Virus

«Kaspersky Lab», leader mondiale di soluzioni per la sicurezza informatica e la protezione dal malfare, annuncia la pubblicazione del nuovo articolo del noto consulente sulla sicurezza David Emm “Minacce che cambiano, soluzioni che cambiano: l’evoluzione dei virus e degli antivirus”.

Nell’articolo si esaminano le tappe dello sviluppo delle minacce informatiche a partire dalla fine degli anni ‘80, quando sono comparsi i primi virus per PC, fino alla nascita delle minacce mobili destinate ai cellulari nella prima decade del XXI secolo. L’autore illustra come l’impiego delle nuove tecnologie abbia permesso alle soluzioni antivirus di reagire in maniera efficace al cambiamento di codice del malware.

David Emm esamina i mutamenti verificatisi nella motivazione degli scrittori di virus: se inizialmente i virus venivano creati e diffusi con lo scopo di apportare il maggiore danno possibile, negli ultimi tempi il fine è diventato quello di riempire i portafogli degli autori del codice maligno. Questo viene confermato dalla tendenza, registratasi a partire dal 2003, alla diminuzione del numero delle epidemie globali di virus, quando i Trojan hanno cominciato ad essere concepiti su misura per invadere un sistema concreto e per rubare dati personali dell’utente.

L’autore concentra poi la propria attenzione sulle nuove minacce “mobili”: dopo la scoperta, nel 2004, del primo worm per smartphone, il malware di nuova generazione pensato per i cellulari è diventato sempre più diffuso. Nel giro di pochi anni, le minacce create per la piattaforma mobile si sono sviluppate tanto, quanto ha fatto il malware per PC in ben 20 anni.

Infine Emm conclude ricordando come il quadro delle minacce informatiche si sia modificato enormemente in appena un ventennio, e insiste su quanto oggi sia più che mai necessaria un’efficace protezione dell’utente da esse.

Le soluzioni antivirus devono non solo garantire protezione dalle centinaia di nuove minacce odierne, ma anche sviluppare tecnologie capaci di respingere anche le minacce ancora sconosciute.

Il riassunto dell’articolo è disponibile in italiano nella sala di lettura, mentre la versione integrale in inglese la trovate su Viruslist.com.