Kaspersky Lab porta la Scuderia Ferrari a Gerusalemme per l’evento “Jerusalem Formula - The Peace Road Show”

18 giu 2013
Eventi

Roma, 18 giugno 2013 - Il 13 e 14 giugno 2013, Gerusalemme ha ospitato il primo show internazionale su strada, “Jerusalem Formula – The Peace Road Show”. Il road show organizzato insieme alla Scuderia Ferrari si è svolto nella parte più antica della città insieme ad altri eventi, tra cui il motorbike show. La partecipazione del team Ferrari è stato reso possibile grazie a Kaspersky Lab. All’evento hanno partecipato diverse auto, tra cui quattro Ferrari che partecipano al Ferrari Challenge (tre F430 e una 458 Challenge del team Kaspersky Motorsport) guidate da alcuni piloti della Ferrari Driver Academy tra cui la giovane promessa Antonio Fuoco.


La manifestazione ha registrato una grande folla il primo giorno e oltre 180.000 spettatori nella seconda giornata di venerdì, un successo considerando che si trattava di un giorno festivo o prefestivo per la maggior parte degli abitanti della città che ha offerto per l’occasione un percorso di 2.800 metri. L’obiettivo di questo evento era di portare i simboli dello sport su due e quattro ruote nel paese, dove questo sport era proibito fino a due anni fa. Ebrei, cristiani, musulmani e turisti si sono riuniti per l’occasione, che non a caso comprende nel suo nome la parola ‘pace’.

Eugene Kaspersky, fondatore e CEO di Kaspersky Lab, ha commentato: “Questo è il quarto anno di grandi successi ottenuti grazie alla collaborazione tra Kaspersky Lab e la Scuderia Ferrari. In tutto questo tempo abbiamo cercato di ampliare la nostra partnership e lo sviluppo di nuovi progetti di collaborazione. È una grande soddisfazione essere riusciti a portare la Scuderia Ferrari in Israele per la prima volta in occasione della "Jerusalem Formula - The Peace Road Show". Kaspersky Lab è orgogliosa di percorrere strade sempre nuove e di portare avanti iniziative diverse; spero che questo progetto unico sia l'inizio di una nuova tradizione in una città cosi piena di storia”.

L'attrazione principale della manifestazione è stata la Ferrari, la prima squadra ad accendere una vettura di Formula 1 e a correre per le strade di Gerusalemme. Per i primi dieci giri, al volante della F60 c’è stato Giancarlo Fisichella. “E’ stato un onore per me essere qui e voglio ringraziare Ferrari, Kaspersky Lab e la città per aver reso possibile questo evento”, ha dichiarato il pilota in diretta attraverso la radio di bordo, in collegamento con la televisione israeliana. “Spero di essere qui anche il prossimo anno”. Il pilota italiano era visibilmente commosso. “Anche se non corro più nel Gran Premio, è sempre un’esperienza incredibile guidare un’auto come la Ferrari di Formula 1 e non credo di aver mai trovato un'atmosfera così speciale come qui a Gerusalemme".

Il sindaco di Gerusalemme, Nir Barkat, ha dichiarato: “Le auto di Formula 1, sullo sfondo delle mura della Città Vecchia, sono un evento storico che contribuirà all’economia della città, al turismo e a far conoscere Gerusalemme in tutto il mondo. La Gerusalemme del presente è una città aperta e accogliente ed è importante per noi riuscire ad inviare un messaggio di pace senza conflitti politici attraverso questo spettacolo internazionale; invitiamo tutti i tifosi e gli appassionati di sport a partecipare a questi eventi ovunque si trovino, senza distinzione di religione, razza o genere”.