Kaspersky Lab brevetta la tecnologia per il recupero dei dati criptati

24 lug 2013
Notizie Business

Roma, 24 luglio 2013 - Kaspersky Lab ha annunciato che i propri esperti hanno sviluppato e brevettato un’avanzata tecnologia che consente di recuperare Ie password e le chiavi di crittografia sui dispositivi mobile. Il brevetto N. 2481632, rilasciato da Rospatent, utilizza una metodologia che elimina qualsiasi possibilità di compromissione dei dati.
La crittografia è un metodo estremamente sicuro per la protezione dei dati riservati, ed è ampiamente utilizzata sia da aziende che da utenti privati. Tuttavia, esiste una criticità nella sua applicazione: le persone, infatti, possono dimenticare o perdere le password per accedere ai dati criptati. Da un lato questo mette in evidenza i pericoli causati dalla perdita delle password, poiché se la password non può essere recuperata i dati criptati rimangono inaccessibili. Dall’altro lato, il recupero di una password aumenta il rischio che i dati sensibili vengano compromessi. Bisogna anche tenere in considerazione che i metodi utilizzati per proteggere le copie di backup possono contenere delle vulnerabilità che potrebbero consentire l'accesso non autorizzato ai dati sensibili.
Il risultato è che i consumatori di solito devono scegliere il minore tra due mali, quindi o utilizzano soluzioni che non consentono nessun margine di errore umano e non consentono il recupero della password, oppure ripongono la massima fiducia nell’affidabilità dei produttori di infrastrutture IT se consentono il recupero della password.
Kaspersky Lab ha cercato di evitare questo compromesso, sviluppando una propria tecnologia per recuperare le password e le chiavi di crittografia sui dispositivi mobile.

Tre fattori indipendenti

Per recuperare le password e le chiavi per i dati crittografati, la tecnologia brevettata di Kaspersky Lab utilizza tre fattori indipendenti: ID utente, un ID per il dispositivo mobile e un numero casuale.
Quando l'utente installa la soluzione mobile di sicurezza, il sistema di autenticazione richiede un indirizzo email. La tecnologia genera l’hash dell’indirizzo (la sequenza dei simboli ottenuti convertendo l’indirizzo email alfanumerico attraverso un algoritmo speciale). Inoltre, crea un ID univoco per il dispositivo in base alle sue caratteristiche hardware e infine genera un numero casuale. Dopo la registrazione, il numero casuale cifrato insieme con l’hash dell'indirizzo email e l'ID del dispositivo, vengono trasmessi ai server di Kaspersky Lab.
Il numero casuale viene utilizzato dal prodotto per fornire una “difesa della difesa”. La tecnologia utilizza una speciale chiave di crittografia per i dati. Anche questa chiave ha bisogno di essere protetta tramite la crittografia, per garantire la sua sicurezza; di solito questa chiave viene protetta con una password. Ogni volta che un utente inserisce la password, prima viene decodificata la chiave e solo dopo è possibile accedere alle informazioni crittografate. La tecnologia brevettata può archiviare due copie delle chiavi sul dispositivo: la prima copia è crittografata con l’aiuto della password utente e la copia di backup viene crittografata utilizzando il numero casuale generato precedentemente.
Se l’utente del dispositivo perde o dimentica la password, il servizio speciale per il recupero della password richiede l’indirizzo email. Il servizio identifica l’hash dell’indirizzo e lo confronta con il proprio database di hash precedentemente raccolto, tra tutti gli utenti che hanno questa tecnologia integrata nelle proprie soluzioni di sicurezza mobile. Se viene trovata una corrispondenza, il sistema invia il numero unico specificato dall'utente durante la registrazione a quell’indirizzo e-mail, insieme con le istruzioni per creare una nuova password. La tecnologia utilizza questo numero univoco per decrittare la chiave di backup, che a sua volta consente all'utente di accedere ai dati memorizzati nel dispositivo.
Come risultato, gli specialisti di Kaspersky Lab sono stati in grado di sviluppare un algoritmo per il recupero dei dati, che è utile e al tempo stesso sicuro poiché nessuna delle parti coinvolte in questo processo ha accesso a tutti i dati necessari per decifrare le informazioni segrete. Kaspersky Lab non archivia né i backup delle password, né alcuna copia delle chiavi e nemmeno i dati personali dei clienti sui propri server; mantiene solo i valori criptati delle informazioni specifiche che consentono agli utenti di accedere ai propri dati. Queste informazioni sono totalmente inutili per i criminali informatici.
“La nostra tecnologia 'nasconde' gli elementi necessari per accedere ai dati sensibili. Quindi, quando gli utenti hanno bisogno di questi, possono facilmente recuperarli, mentre i criminali informatici devono affrontare una vera e propria battaglia per mettere insieme tutti i diversi elementi della chiave”, ha dichiarato Victor Yablokov, Head of Web & Messaging Development di Kaspersky Lab, uno dei creatori di questa tecnologia
Kaspersky Lab continua a lavorare sulla proprietà intellettuale. A partire dalla fine di giugno 2013, il portafoglio della società comprendeva oltre 120 brevetti rilasciati dalle autorità competenti di Stati Uniti, Russia, Cina ed Europa. Altre 200 applicazioni da brevettare, sono in corso di esame da parte degli uffici brevetti di questi paesi.